D O S U Z H E V

UN ARTISTA D'AVANGUARDIA DI VITEBSK

QUADRATO

Non categorizzato
"KVADRAT" (Il Quadrato) (1987 - 1994) - un'associazione creativa di artisti, creata il 16 marzo 1987. Il suo compito era l'opposizione organizzata all'arte ufficiale e l'affermazione dei principi estetici dell'avanguardia e del postmodernismo russi nella vita artistica della Bielorussia.

Nel "KVADRAT" ha compreso dieci artisti di diverse direzioni (dall'arte astratto alla pittura figurativa) e diversi tipi di arte: Alessandro Maley, Alessandro Dosuzhev, Valeri Schastny, Nikolai Dundin, Alessandro Slepov, Valeri Chukin, Victor Shilko, e anche Tatiana e Yuri Rudenko e Victor Mikhailovsky (prima del 1990).

L'attività di "KVADRAT" è stato costruito sotto forma di azioni e mostre azionarie. La prima è stata la mostra "Experiment" (1988), dedicata al 110 anniversario di Kazimir Malevich (Vitebsk). I membri del gruppo "Pluralis" (Minsk) e gli artisti di Leningrado hanno preso parte all'azione. Sono seguite le mostre "Natura e cultura", "Fiori e pittura", "L'uomo e l'universo", ecc. Sono state organizzate mostre congiunte con artisti del sottosuolo di Minsk, Mosca, Leningrado.

L'idea generale della mostra "Natura e cultura" (1989) è stata la dichiarazione che il mondo spirituale impoverito di un uomo annulla qualsiasi conquista nel campo dello sviluppo sociale ed economico, e, soprattutto, approfondisce il divario tra uomo e natura. Questo periodo include la famosa sessione fotografica nella discarica della città.
A quel tempo, Kvadrat ha letteralmente "fatto esplodere" la tranquilla vita artistica di Vitebsk con le sue azioni rumorose e le sue esibizioni.

L'ultima azione era I International Plein Air "Malevich. Unovis. Modernità "(20.08-15.09.1994). Alla sua apertura hanno partecipato ospiti del Museo statale russo (San Pietroburgo), della Galleria statale Tretyakov (Mosca), della Fondazione Malevich (Mosca), del Museo nazionale d'arte (Minsk), rappresentanti della filiale Vitebsk della Fondazione bielorussa Soros, critici e storici dell'arte delle riviste Mastatskt (Minsk), "Decorative Art" (Mosca), la pubblicazione indipendente Supremus (Mosca), nonché i rappresentanti della stampa estera e nazionale.

Concettualmente, questa azione è stata costruita sulla base del lavoro d'arte degli artisti di Vitebsk, poiché l'open-air è stato dedicato al periodo di creatività di Vitebsk di K. Malevich e UNOVIS. Gli artisti hanno cercato di presentare allo spettatore tutti gli aspetti dell'arte concettuale: installazione, performance, pittura figurativa, espressionismo astratto, composizioni suprematiche.

L'idea di "Kvadrat" era semplice: creare uno spazio creativo, un ambiente in cui ognuno potesse svilupparsi senza interferire l'uno con l'altro. A proposito, è stata la prima associazione di artisti in Bielorussia e, si potrebbe dire, è diventata un'esigenza, una ventata di respiro alla fine dell'era della stagnazione

L'associazione ha annunciato una nuova teoria dello sviluppo artistico, che fa ampio uso di forme simboliche. Con le loro opere, gli artisti-membri di "Kvadrat" hanno iniziato a convincere lo spettatore che un'opera d'arte, non avendo soggetto, è capace di influenzare una persona. A. Maley e A. Dosuzhev nel loro lavoro creativo hanno cercato di trovare modi per l'ulteriore sviluppo del suprematismo, riempiendo le idee di K. Malevich con contenuti moderni.

Durante la sua esistenza, "Kvadrat" ha rappresentato la scuola d'arte di Vitebsk in mostre in Russia, Germania, Polonia e Spagna. I membri dell'associazione sono stati esposti in Italia, Finlandia, Corea del Sud, Canada, Stati Uniti d'America, Israele e persino nella lontana Australia.

Nel 1994 l'associazione si sciolse. La ragione ufficiale era l'idea che "Kvadrat" ha assolvato la sua funzione principale di riabilitazione dell'arte concettuale nella cultura bielorussa. Tuttavia, secondo gli stessi membri del gruppo, gli artisti "sono cresciuti" dall'associazione, ognuno di loro aveva formato un linguaggio plastico individuale a quel tempo, e il concetto di attenersi alla sola pittura informale ha iniziato a ostacolarli, e quindi hanno deciso di sviluppare ulteriormente le loro caratteristiche di personalità creatività.

(в тексте использованы фрагменты статей А.Малея, О. Иноземцевой)

it_ITItaliano